AstraZeneca – La reazione avversa nascosta

Il “caso avverso” verificatosi a inizio settembre tra i volontari su cui la casa farmaceutica AstraZeneca sta testando il vaccino anti Covid 19, elaborato ad Oxford e già acquistato in 420 milioni di dosi da quattro ministri della Salute di altrettanti Paesi dell’UE tra i quali il nostro Roberto Speranza, non era il primo. Ma ai giornali e ai media il primo caso è stato tenuto nascosto.
A un’altra donna infatti, già a luglio scorso, dopo l’inoculazione del siero sperimentale era stata diagnosticata la mielite trasversa. La sperimentazione si era bruscamente arrestata fino a quando i rappresentanti della casa farmaceutica avevano dichiarato che la patologia in questione non fosse da collegare al vaccino.
“L’incidente di percorso” di cui si è parlato anche in italia all’inizio di questo mese, quindi, non era il solo.
E la questione comincia sinceramente a farsi preoccupante.

ti e' piaciuto questo articolo? Aiutami condividendolo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email

NEWSLETTER

Manteniamo i tuoi dati privati e non li condividiamo. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

I Libri

potrebbe anche interessarti

Il sangue e la Libertà

Cresciamo e viviamo convinti, per tutta la nostra esistenza, che ciò che davvero conti sia il sangue. Il legame naturale, quello scaturito da una dimensione…

Le due file

Non vi interessava capire, né riflettere. Non vi interessava nemmeno raccoglier prove. Vi premeva soltanto scendere in piazza e urlare. Urlar più forte del vostro…