Intervento al Convegno

Leggere la complessitÓ. La Filosofia e il quotidiano

 

 

 

Firenze, Convitto della Calza, 27 marzo 2012

 

 

ABSTRACT

 

 

* La Filosofia a scuola: insegnare l'inutilitÓ

 

E' verissimo, la Filosofia non serve a nulla.

Ma perchÚ non provare a trasformare un "limite"

in una quotidiana ricchezza?

 

 

* Da Socrate a Pinocchio, passando per Kant.

Il disinteresse come condizione fondamentale

per un'autentica, quotidiana moralitÓ

 

L'Anello di Gige, per una morale anti-utilitaristica, da considerarsi un Bene per sÚ

 

 

* La virt¨ insegnabile.

Il contenitore vuoto di una kierkegaardiana "Presa di coscienza"

 

Una didattica che insegni a comprendere, a ragionare, a cavarsela da soli.

Per passare da una "scuola dell'Autonomia" ad una "Scuola di autonomia"

 

 

* Heidegger a Messkirch:

Pensiero calcolante e Pensiero meditante, passeggiando nel Bosco

 

L'inutilitÓ della Filosofia al servizio dell'autentica FelicitÓ.

Insegnare ed imparare ad essere felici

 

 

* Il volo al Tramonto.

Quale destino per l'inutilitÓ teoretica e morale,

nella scuola dell'Autonomia e dell'Etica ipotetica?

 

Troppo tardi per insegnare davvero ad essere persone

responsabili e soddisfatte di sÚ?

 

 

 

Organizzato da Edizioni D'Anna/Loescher e SocietÓ Filosofica Italiana. Patrocinio MIUR

 

Cfr a tal proposito.: P. Ratto, Della Filosofia e del suo inalienabile diritto all'inutilitÓ, Venezia, Ca' Foscari, 2015

 

 

- TUTTI GLI SCRITTI -